Monterosa Prestige: come preparare la bici per la gara

La preparazione della mountain bike per una gara è fondamentale ed indispensabile per garantire un perfetto funzionamento del proprio mezzo, in una particolare situazione in cui si vuole assolutamente evitare spiacevoli inconvenienti meccanici.

In occasione della partenza alla Monterosa Prestige, vediamo come preparare al meglio la nostra mountain bike.

TRASMISSIONE E CATENA

Verifichiamo che la trasmissione funzioni correttamente, ovvero che il cambio salga e scenda bene su tutti i rapporti. E’ molto importante ispezionare la catena maglia per maglia: iniziando da un punto di riferimento (la falsa maglia o un bollino su una maglia) controlliamo ogni singola maglia per escludere la presenza di danni o una scarsa fluidità al piegamento. Procediamo successivamente alla sua lubrificazione assicurandoci che l’olio penetri nei rullini delle maglie: posizionando la catena sul pignone più grande per metterla sotto tensione, si applica una leggera torsione laterale per allargare le maglie e favorirne la penetrazione.

Per la scelta del lubrificante è importante considerare le condizioni attuali assieme alle previsioni del tempo per quando si dovrà gareggiare: lubrificante umido o lubrificante secco.

 FRENI A DISCO, PISTONCINI E PASTIGLIE DEI FRENI

Ispezionare le pastiglie dei freni per valutare la loro usura. Meglio cambiare le pastiglie alcuni giorni prima della gara allo scopo di favorire il loro adattamento. Assicuriamoci che i pistoncini si muovano entrambi in maniera simmetrica (pistone pigro).

Controlliamo che i dischi scorrano liberi tra le pastiglie al centro della pinza e nel caso allineiamo il disco tra le pastiglie agendo sulla pinza. E’ importante verificare le condizioni del disco, in particolare se usurato (ridotto spessore, scalini) o piegato.

SOSPENSIONI, AMMORTIZZATORE E REGGISELLA TELESCOPICO

Dopo una accurata pulizia degli steli e dei raschiapolvere, umettare un panno con una piccola quantità di lubrificante specifico per sospensioni e passarlo attorno ai paraolio della forcella, dell’ammortizzatore e del reggisella telescopico, facendo lavorare le sospensioni in tutta la loro estensione. Fondamentale è un controllo della pressione delle sospensioni per valutare se è impostata correttamente per il tracciato e per le nostre caratteristiche.

 STRUTTURA PORTANTE: TELAIO E SUPPORTI

Per evitare problemi, è opportuno controllare bene che non ci siano giochi o scricchiolii particolari. Verifichiamo tutti i serraggi, partendo dalla zona posteriore a quella anteriore della bici: forcellino, deragliatore posteriore, pinze dei freni, sella e collarino reggisella, snodi e supporti dell’ammortizzatore, guarniture, pedali, serie sterzo, manubrio e stem. Verificare che le manopole siano bloccate: una manopola che si muove può causare un incidente grave.

Dove sono indicate le coppie di serraggio utilizzare una chiave dinamometrica, specialmente laddove la sicurezza è imperativa, per es. attacco manubrio e manubrio.

 

 RUOTE E PNEUMATICI

Verificare che i cerchi ruotino dritti e con un attrito minimo. Controllare che gli pneumatici non presentino tagli o danni ai tasselli e ai fianchi. Accertarsi che il sigillante sia sufficiente e procedere ad eventuale rabbocco. Ispezionare il cor della valvola, pulirla dal sigillante e nel caso sostituirla. Gonfiare gli pneumatici alla pressione scelta.

 MISURE-DIMENSIONI

Controllare l’altezza, l’inclinazione della sella e la distanza sella-manubrio: la sella potrebbe essersi spostata o il reggisella sceso. Una verifica è indispensabile alla inclinazione delle leve dei freni e alla posizione delle tacchette delle scarpe.

A questo punto pronti e … via!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *