Mtb e anomalie meccaniche: dalla “diagnosi” alla “terapia”

Ogni biker spesso ha dovuto affrontare anomalie e guasti meccanici che si presentano sulla nostra mountain bike: l’acqua, il fango, la polvere, in aggiunta ai frequenti urti e all’uso intensivo, sottopongono le diverse componenti e strutture a continue sollecitazioni ed usura determinando un loro malfunzionamento.

Spesso queste situazioni si associano come la causa più comune della comparsa di rumori anomali che, se da una lato sono molesti e fastidiosi, dall’altro rappresentano un utile ed importante “sintomo” di qualcosa che non va, indizio indispensabile per comprendere la sede di origine dell’anomalia meccanica a cui porre adeguata risoluzione. Infatti la loro precisa caratterizzazione e localizzazione ci può aiutare ad individuare il problema e porre quanto prima un definitivo rimedio.

I rumori possono manifestarsi con vari suoni e modalità di insorgenza ai quali corrisponde sempre una precisa causa e una sede specifica.

Non sempre può essere facile individuare da dove provenga un determinato rumore ed estremamente difficile stabilire quale sia la sede del problema. In questi casi dobbiamo mettere in atto un’analisi sistematica dei componenti più propensi ad emettere cigolii o scricchiolii vari o altro ancora.

La prima cosa da fare è quello di capire da dove proviene il rumore, se dalla parte anteriore della bici (ruota anteriore, forcella, serie sterzo, manubrio, attacco) o se dalla parte posteriore (telaio, sella e reggisella, guarnitura, cassetta pignoni, mozzo posteriore, ruota posteriore), così da restringere il campo di ricerca ed intervenire successivamente con una adeguata soluzione.

La descrizione delle più comuni e frequenti cause di insorgenza di anomalie meccaniche e come procedere alla risoluzione dei problemi sono riportate nel documento scaricabile qui, “Mtb e anomalie meccaniche: dalla “diagnosi” alla “terapia”.

Con questo manuale, analizzando nell’ordine i componenti che più spesso sono causa di rumori, si vuole fornire un supporto di base al biker indicando quali sono i controlli da mettere in atto e gli interventi raccomandati per risolvere il problema. Buon lavoro!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *